Milano e la soluzione al caldo estivo

Milano e la soluzione al caldo estivo

Agosto è arrivato e, nonostante le città si svuotino quasi completamente, il caldo regna da padrone. A causa dell’urbanizzazione degli ultimi decenni le città hanno subito un rialzo delle temperature che, soprattutto d’estate, raggiungono valori potenzialmente letali.

Sull’onda di molte altre città del mondo Milano ha intrapreso un percorso capace di mitigare questi fenomeni scegliendo di investire in una delle più semplici soluzioni: Il verde. Oggi Milano investe in modo costante nella gestione e nella cura del verde pubblico quale arma necessaria per la città del futuro. Corridoi verdi, piccoli giardini, aree a prato e siepi sono solo alcune delle “infrastrutture naturali” che l’Amministrazione sviluppa e gestisce per il benessere dei milanesi.

Possiamo affermare che, per contribuire alla mitigazione delle condizioni estreme, la presenza di vegetazione in città è fondamentale. La città meneghina ha riscoperto la forze dei parchi, incentrando i propri sforzi nel miglioramento e nella gestione accurata degli stessi come Parco Sempione, Parco Indro Montanelli, Parco della Vettabbia, Parco Nord, Parco Lambro, Giardini della Guastalla per citarne alcuni. All’interno di queste aree, i cui manti erbosi vengono regolarmente tagliati e curati e gli alberi sono costantemente monitorati, le condizioni climatiche sono diverse: il verde dei prati produce vapore acqueo che funge da schermo protettivo ai raggi solari, mentre la chioma degli alberi ripara dai raggi solari riducendo la temperatura percepita. Un insieme di tecnici monitora costantemente il patrimonio arboreo attraverso tecniche avanzate capaci di valutarne la stabilità e la sicurezza ma anche per garantirne la longevità e l’efficienza. Un sollievo per chi ad agosto è costretto a rimanere in città.

Mentre la città continua ad investire e a lavorare per migliorare ed implementare il verde urbano, il consiglio di MIAMI è di trovare ristoro in queste aree capaci di mitigare le isole di calore cittadine oltre che portatrici di silenzio e storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *