Aree Gioco Inclusive

Aree Gioco Inclusive

La convenzione ONU sui diritti del bambino dichiara che: «gli stati partner rispettano e favoriscono il diritto del bambino a partecipare pienamente alla vita culturale ed artistica ed incoraggiano la fornitura di uguali opportunità per le attività ricreative e di tempo libero». 

MIAMI insieme al Comune di Milano e a Fondazione Comunità Milano, ha scelto di impegnarsi e mettere in pratica quanto riportato nella convenzione ONU, progettando Parchi Accessibili e Inclusivi. I Parchi inclusivi sono un laboratorio di intervento educativo in grado di dare supporto a scuole e genitori nella sensibilizzazione ed educazione dei bambini. Un’area giochi inclusiva è uno spazio dove i bambini con disabilità fisiche o sensoriali o con problemi di movimento possono giocare e divertirsi in sicurezza, insieme a tutti gli altri.

L’area Gioco di Via Martinetti

Un esempio dell’impegno e della collaborazione nella città di Milano è la riqualificazione del giardino di via Martinetti; un’area gioco che è sempre stata composta da un castello e due altalene, ognuno su singola pavimentazione di gomma, connessi da vialetti in lastre di cemento. 

Il 28 settembre 2019, in occasione di Milano Green Week, è stata inaugurata la nuova area giochi inclusiva. L’area, a differenza della precedente, è composta da due parti collegate tra loro da un percorso tattilo-plantaro per persone cieche e ipovedenti che ne garantisce l’accessibilità. Nell’area sono state posizionate nuove strutture gioco accessibili a tutti i bambini, a prescindere dai diversi livelli di abilità, tra cui: altalene a cestone e a tavoletta, giostra e castello inclusivi, arrampicata, scivolo e xylofono.

Nella città di Milano, gli interventi per la realizzazione di aree gioco inclusive sono molteplici, basti pensare all’area giochi di Parco Indro Montanelli inaugurata la scorsa primavera o l’area gioco all’interno del Parco di Villa Finzi. L’obiettivo dei Parchi Inclusivi non è solo permettere a tutti i bambini di giocare ma soprattutto insegnare loro ad essere gentili ed a sviluppare uno sguardo rispettoso e attento oltre che di cura nei confronti degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *